Rassegna Fiscale

Rassegna stampa fiscale e legale gratuita
Rassegna Fiscale

Il bollo sugli assegni circolari è addebitabile dalla banca al cliente

L’articolo 10, dell’allegato A, Tariffa, parte I, Dpr 642/72 dispone l’applicazione di una imposta di bollo in misura proporzionale del 6 per mille annuo sugli assegni circolari. Tuttavia, anche con riferimento agli assegni circolari diversi da quelli in forma libera, la normativa sull’imposta di bollo si limita ad individuare il soggetto tenuto ad assolvere agli adempimenti connessi all’applicazione dell’imposta senza indicare il soggetto passivo su cui grava l’onere della stessa. L’Agenzia delle Entrate, in risposta all’istanza di interpello n. 956-1116/2020 presentata da una Banca, chiarisce che tale imposta di bollo può essere addebitata al cliente che faccia richiesta degli assegni circolari anche diversi da quelli in forma libera. Nella risposta le Entrate specificano che vige il principio di solidarietà tra i soggetti coinvolti nel firmare il documento, ossia la banca e il cliente che richiede l’emissione dell’assegno. Fermo restando che eventuali accordi contrari sarebbero nulli, l’Agenzia ritiene che l’accordo non è disciplinato dal Dpr 642/72.


questo articolo di trova a pagina 26