Rassegna Fiscale

Rassegna stampa fiscale e legale gratuita
Rassegna Fiscale

La cancellazione del credito salva la deduzione della perdita

Sussistono solo due periodi di imposta in cui operare la deduzione delle perdite ‘automatiche’ in presenza di svalutazioni tassate preesistenti: l’esercizio in cui si verificano gli elementi certi e precisi e quello in cui si attua la cancellazione del credito. E’ sempre consigliabile dar corso alla deduzione solo previa cancellazione. L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello 12/2018, ha confermato che, invece, qualora la perdita non sia stata dedotta nell’esercizio degli elementi certi e precisi né in quello in cui il reddito avrebbe dovuto essere cancellato, la deduzione ‘postuma’ può essere effettuata solo con la correzione dell’errore contabile e con la dichiarazione integrativa.


questo articolo di trova a pagina 25