Rassegna Fiscale

Rassegna stampa fiscale e legale gratuita
Rassegna Fiscale

Arriva la Tari trasparente con i costi standard

Ieri l’Arera, l’Authority per l’energia e l’ambiente, ha posto in consultazione il nuovo metodo tariffario per la Tari che dovrebbe entrare in vigore il prossimo anno. Lo scopo è fissare gli standard per determinare il ‘costo efficiente’ delle attività di raccolta e smaltimento rifiuti e tradurre il tutto in bolletta (trasparente) per le utenze domestiche e non. Sarà possibile inviare osservazioni e proposte entro il 16 settembre. Non essendo una tassa ma una tariffa la Tari deve garantire la ‘copertura integrale dei costi’ del servizio. Per le utenze non domestiche (negozi, imprese, alberghi) le tariffe cambiano da Comune a Comune. Mettere ordine non è facile, si prova a replicare quanto fatto per il servizio idrico dove un sistema tariffario c’è e funziona. Ad essere regolati saranno i 4 filoni chiave dell’igiene urbana: spazzamento e lavaggio strade, raccolta e trasporto, riscossione e rapporto con gli utenti, trattamento recupero e smaltimento. Sempre 4 saranno gli schemi tariffari fra i quali gli enti locali potranno scegliere.


questo articolo di trova a pagina 6