Rassegna Legale

Rassegna stampa fiscale e legale gratuita
Rassegna Legale

Complesso provare il no alla diffusione di video e immagini

La legge sul Codice rosso introduce nel Codice penale i nuovi articoli 612-ter e 583-quinquies. Il primo introduce il delitto di ‘diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti’. Il secondo il delitto di ‘deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso’. Per la punibilità del primo reato è necessario il dolo specifico, ossia dalla volontà di arrecare danno alla persona offesa. Problemi potrebbero concretizzarsi nella prova della consapevolezza del dissenso della persona ripresa nel video o nell’immagine alla sua diffusione. Si tratta di un elemento non facile da dimostrare, soprattutto se la registrazione, e la prima diffusione, avvengono in forma scherzosa proprio da parte della vittima, ad esempio, per la sottovalutazione delle conseguenze legate all’impossibilità di controllare la diffusione dei contenuti sul web.


questo articolo di trova a pagina 21